Tu sei qui

129 | 2011-04-26 Consiglio su possibile truffa

Buongiorno Dott. Temporelli,
Mi chiamo Domenico e navigando nel web mi sono imbattuto in un suo articolo a proposito della truffa dei depuratori.
Proprio ieri sera sono venuti a casa mia, dove convivo con la mia ragazza da qualche mese, 2 venditori e ciò che è successo è esattamente ciò che lei ha descritto nel'articolo. Hanno iniziato a tirare fuori moltissimi articoli di diverse testate riguardanti sia notizie sulla pericolosità dell'acqua dell'acquedotto (abito ad Appiano Gentile, provincia di Como) sia notizie sulla pericolosità delle acque imbottigliate.
Sono laureato in marketing e sono una persona che ama informarsi e mi definisco un consumatore attento. Hanno puntato sulla paura e a questo punto anche sull'inganno a giudicare dai test (persino quello del tè!). Però purtroppo ci hanno convinti e abbiamo aperto il finanziamento per il loro depuratore da 2800€, ma dato che non sono ancora venuti a montarlo (verranno martedì prossimi) e che abbiamo 40 giorni per "provarlo" penso proprio che chiamerò entro martedì per annullare tutto ed evitare inoltre di farmi bucare il lavandino.
Vorrei chiederle una cosa: loro puntavano sul fatto che si eliminano le sostanze negative e i famosi nitrati, mentivano?il depuratore secondo loro elimina il calcare e tutti i ferri così nocivi che si sono presentati durante il test dell'elettrolisi, è una falsità?
La ringrazio in anticipo se vorrà rispondere e aiutarmi a capire se questo importante investimento per una coppia giovane (pensi che io sono in stage perché appena laureato e non percepisco niente) sia davvero azzeccato e basato sulla salute oppure se sia una presa in giro.
Cordialmente,
Domenico

Risposta:
Buongiorno Domenico, allora in sintesi ecco le risposte:
1. le acque di acquedotto in quanto potabili non sono pericolose, anche nei casi limite di quei comuni che sono soggetti a deroga per il superamento dei valori di alcuni parametri non c'è pericolo per la salute umana in quanto tali provvedimenti hanno una durata limitata nel tempo
2. le acque minerali non sono pericolose, quelle che sono in commercio hanno avuto l'OK dal Ministero; se per qualsiasi motivo le caratteristiche di composizione non dovessero più rispettare i parametri di legge l'acqua viene tolta dalla distribuzione e viene sospesa l’autorizzazione all'imbottigliamento
3. le membrane ad osmosi inversa possono eliminare i nitrati ma le acque erogate dall'acquedotto, rispettando i canoni di qualità stabiliti dal D.Lgs 31/2001, sono potabili e non necessitano di ulteriori interventi di potabilizzazione (a volte di affinamento nel gusto)
4. l'eliminazione del calcare fa bene alle tubazioni ma non alla salute umana; elementi quali calcio e magnesio sono certamente utili e benefici e la loro eliminazione dall'acqua di rete può essere interpretata come un peggioramento della qualità dell'acqua
5. gli ossidi di ferro che hanno dato origine alla colorazione dell'acqua durante il test NON sono presenti nell'acqua di rete e nemmeno nelle acque in bottiglia, quegli elementi vengono inseriti dal venditore stesso tramite l'apparecchiatura che, essendo provvista di un elettrodo in ferro, si corrode liberando metalli pesanti che causano lo sporcamento dell'acqua (questo è il cuore della truffa).
Spero di aver risposto alle sue domande e aver così contribuito a farle fare la scelta più idonea.
Cari saluti
Dott. Giorgio TEMPORELLI
Consulente Tecnico e Divulgatore Scientifico
Acque destinate all'alimentazione e trattamenti di potabilizzazione

Webmaster Tudor Andrei