Tu sei qui

158 | 2011-11-16 Acqua alcalina

Buon giorno dottor Temporelli,
ho letto il suo articolo sui depuratori di acqua domestica e la truffa dell'elettrolisi. Anche io dopo varie telefonate ho ceduto alla pressione della centralinista di (omissis) ed ho acconsentito alla visita di un operatore che promuove questo tipo di filtro. Alla fine della dimostrazione - in tutto uguale alla descrizione che lei fa nell'articolo - mi sono presa del tempo per decidere, con grande delusione del venditore, e poi non ne ho fatto di niente. Grazie a Dio! Il motivo per il quale mi rivolgo a lei riguarda però un altro tipo di trattamento dell'acqua ad uso domestico, un trattamento che, al contrario di altri filtri sui quali mi sto documentando, a giudicare da quanto ho letto mi sembra una soluzione eccellente per ottenere acqua buona dal rubinetto. Si tratta di una macchina ionizzatrice che genera acqua con caratteristiche simili a quella che sgorga dalle sorgenti! è l'acqua ionizzata Kangen, ottenuta per la prima volta dai giapponesi circa 30 anni fa, ma sconosciuta in Italia fino a poco tempo fa. Vorrei sapere, se è possibile, se lei la conosce e sa dirmi della affidabilità o meno dello ionizzatore modello (omissis). La ringrazio della sua attenzione e rimango in attesa di una sua risposta.
Cordiali saluti,
M.Giulia

Risposta:
Buongiorno,
purtroppo la mia opinione sull'acqua alcalina non è delle migliori, ovvero non credo che un'acqua così prodotta possa avere quelle proprietà salutistiche decantate invece dai produttori di impianti. Le motivazioni a supporto di questa tecnologia sono molto povere dal punto di vista scientifico. Siccome ho scritto un articolo in merito che sta per essere pubblicato sulla rivista IA (Ingegneria Ambientale) e dato che sarebbe troppo lungo motivarle dettagliatamente tutti i particolari del mio scetticismo in merito, le propongo l'invio dell'articolo non appena l'avrò disponibile, se le può interessare. Credo che con quel materiale potrà avere i mezzi per fare una scelta informata.
Un caro saluto
Dott. Giorgio TEMPORELLI

Webmaster Tudor Andrei