Tu sei qui

177 | 2012-03-23 Imbottigliamento acqua pozzo

Buona sera Dr. Temporelli, mi chiamo Giovanni e Le scrivo dalla Sicilia, ho visto con attenzione il Vs. sito web conosciuto casualmente dalla sitografia allegata in una tesi di laurea di Elena Merlatti, una giovane di cuneo, la quale ha fatto una tesi sull'acqua dalla fonte alla tavola, però non ho trovato la normativa attuale, mentre nel Vs. sito ho letto le normative ma nulla che riguarda la domanda che volevo porle: è vero che si può imbottigliare e commercializzare acqua potabile? Cioè non necessariamente acqua minerale? Con un mio amico proprietario di un pozzo alle pendici dell'Etna dove vi è dell'acqua buonissima (almeno al gusto, poi batteriologicamente è da appurare) saremmo intenzionati eventualmente a valutare se è possibile o meno avviare un'azienda di produzione e commercio di acqua.
Nell'attesa di un suo gentile riscontro, Le porgo Cordiali saluti.

Risposta:
Buongiorno. Certo, la normativa sulle acque destinate al consumo umano (D.Lgs 31/2001) prevede l’imbottigliamento di acqua che presenti caratteristiche di potabilità secondo una tabella di parametri e relativi valori. Quindi l’acqua in questione, per essere messa in bottiglia a fini commerciali, deve rispondere alle caratteristiche di potabilità chimico. fisiche e microbiologiche stabilite dal decreto. Fatto ciò rimane l’aspetto da non sottovalutare della grande presenza delle acque minerali, non è facile ricavarsi un posto in questo settore.
Un caro saluto
Dott. Giorgio TEMPORELLI

Webmaster Tudor Andrei