Tu sei qui

78 | 2009-12-29 Depuratori d'acqua domestici

Egregio dott. Temporelli,
ho letto attentamente il suo intervento riguardo le truffe dei depuratori d'acqua domestici, e vorrei avere dei chiarimenti in merito.
Stando a quanto da lei scritto, dovrei escludere a priori un impianto che utilizza il processo ad osmosi inversa.
Le chiedo dunque che caratteristiche deve avere un depuratore per ottenere un'acqua di buona qualità, e se un impianto che utilizza solo la microfiltrazione lavora in modo corretto.
Ringraziandola per la sua disponibilità, le porgo cordiali saluti
Daniele

Risposta:
Buongiorno Daniele,
se bene ha letto il mio scritto avrà capito che non contesto tanto il mezzo quanto il fine e, soprattutto, le modalità con le quali questo viene ottenuto. Per essere più chiari non sono contro il sistema ad osmosi in quanto tale, anzi lo reputo indispensabile per trattare alcune acque contenenti sostanze indesiderabili (quali ad. es. nitrati) in concentrazione elevata, nonché per ridurre la salinità. Meno sensato è, a mio avviso, proporre un sistema di questo tipo per il trattamento della maggior parte delle acque distribuite in rete e totalmente ingiustificato motivare la vendita non con argomentazioni tecniche ma con l'approccio emotivo del test dell'elettrolisi.
Microfiltrazione e passaggio su carboni attivi (approvati dal Ministero Salute) sono trattamenti in genere più che sufficienti per affinare l'acqua del rubinetto.
Cari saluti
G.TEMPORELLI

Webmaster Tudor Andrei