Tu sei qui

85 | 2010-02-02 Truffa elettrolisi

Gent.mo Giorgio Temporelli
Ho letto il suo articolo sulla rivista contro sommario sui Depuratori d'acqua domestici: la truffa dell'elettrolisi. Proprio alcuni giorni fa un mio amico è caduto in questa truffa. Non ho il coraggio di dirgli nulla. Mi posso permettere di chiederle cosa farebbe lei se dal suo rubinetto di casa uscisse un'acqua non proprio buona anche se ovviamente potabile? Un depuratore d'acqua domestico è allora assolutamente sconsigliabile da acquistare? Qual'è il suo consiglio?
Non so se troverà il tempo per darmi qualche consiglio... comunque GRAZIE!!!
Giuliano

Risposta:
Buongiorno Giuliano,
nel nostro paese le acque che escono dai rubinetti sono sicuramente potabili, mediamente di buona qualità, talvolta migliorabili dal punto di vista organolettico. Se la sua acqua rientra in quest'ultima categoria, ovvero se non è gradevolissima alla bevuta a causa, per esempio, del retrogusto di cloro, la si può affinare. Gli impianti di cui si parlava nell'articolo che lei ha letto sfruttano il principio dell'osmosi inversa, questa tipologia è indicata nel caso in cui si desideri ridurre il tenore salino dell'acqua o nei casi in cui la presenza di alcune sostanze indesiderabili (nitrati, arsenico, sottoprodotti della disinfezione, ecc) ne suggeriscano un trattamento al punto d'uso. Esistono però anche soluzioni più economiche e meno invasive, applicabili nei casi l'acqua richieda di essere "migliorata" solo dal punto di vista organolettico, mi riferisco a sistemi tipo "caraffe filtranti" e simili, facilmente reperibili sul mercato e a prezzi contenuti.
Cari saluti
G.TEMPORELLI

Webmaster Tudor Andrei